Pandemia ed isolamento sociale

Pandemia ed isolamento sociale

A seguito dell’emergenza sanitaria, si è verificato un incremento dei casi di di isolamento sociale tra i ragazzi di giovane età, in particolare tra i 10 e 14 anni.
L’isolamento rappresenta una condizione di mancanza oggettiva di contatti sociali che da un lato ci sono stati imposti dallo Stato per fronteggiare la situazione pandemica, dall’altro, già i social e altri dispositivi digitali conducono i giovani, ma non solo, verso un atteggiamento di solitudine e isolamento oggettivo.
In questo lungo lock down i sintomi della depressione e gli stati di ansia si sono aggravati in molte persone. A soffrirne non sono solo le persone che in modo diretto o indiretto sono state colpite dalla malattia, ma anche molti ragazzi che si sono ritrovati avvolti da un vortice di restrizioni perdendo molte occasioni per socializzare.
Il sostegno sociale, il far parte di una rete sociale su cui contare in momenti di difficoltà, è considerato un pilastro fondamentale del benessere psicologico di ciascun individuo.
Nel territorio campano la Cooperativa Sociale Vivere Bene è parte di questa rete. Attraverso il servizio di sostegno psicologico, la Cooperativa offre un aiuto concreto a tutti coloro che si trovano a vivere situazioni di disagio ed emarginazione.
No Comments

Post A Comment