Comunità Empatia (Serino)

Esplora la nostra Struttura

La Comunità Alloggio “Empatia” è progettata per rispondere alle esigenze di minori con problematiche di inserimento sociale dovute a condizioni di disagio familiare, abitativo, socio-­culturale, in conseguenza delle quali i Servizi di Tutela Minori, anche con provvedimento del Tribunale dei Minori, definiscono il collocamento in Comunità Alloggio.

 

Si considera inoltre fondamentale perseguire e garantire, al fine di offrire migliori condizioni di vita ai minori accolti, i seguenti standard:

  • la scoperta ed il mantenimento di valori base, quali la cura di sè e dell’igiene personale, ed il rispetto degli altri e delle cose;
  • interesse nello studio, nella professionalizzazione e nel lavoro;
  • la necessità di socializzare e di sapersi relazionare con gli altri;
  • l’integrazione e il senso civico;
  • l’importanza del tempo libero, delle attività ludiche e costruttive;
  • la ricerca di equilibrio tra studio, affetti, vita sociale e tempo libero.

 

Situata nel Comune di Serino in Via Donnico 8, la struttura è inserita al primo piano di un contesto indipendente immerso nel verde e caratterizzato da grossa luminosità. L’appartamento è sito nelle vicinanze di scuole elementari e medie inferiori. La comunità è dotata di cinque camere da letto, quattro servizi igienici, una cucina abitabile, un salone, una sala TV e uno studio amministrativo. L’appartamento gode di un ampio terrazzo di oltre 140 metri quadri.

 

La Comunità Alloggio per minori “Empatia” accoglie minori di entrambi i sessi di età compresa tra gli 13 ed i 18 anni (od in prosieguo amministrativo sino ai 21 anni) segnalati dai Servizi di Tutela Minori o dall’Autorità Giudiziaria, fornendo un servizio residenziale attivo tutto l’anno.

 

La Comunità accoglie:

  • minori allontanati dalle famiglie previo decreto del TM;
  • minori immigrati non accompagnati;
  • prosiegui Amministrativi.

 

Il metodo di lavoro si basa prevalentemente sul Gruppo: quello degli operatori, degli ospiti e della comunità territoriale.
Il Gruppo si pone come principale strumento educativo, fonte di processi di conoscenza di sé e degli altri, di partecipazione attiva e di relazioni di cambiamento e di verifica. La dimensione di Gruppo rappresenta una occasione per potersi pensare, all’interno di un collettivo, come un singolo individuo in grado di compiere le proprie scelte di indipendenza ed autonomia. Partendo da questi presupposti, la Comunità definisce per ogni ospite un Progetto Educativo Individuale, nel rispetto degli obiettivi, dei tempi, delle risorse e dei limiti caratteristici di ciascuno.

 

Struttura autorizzata al funzionamento dall’Ambito A5 con determina n. 33 del 23/09/2020 ed accreditata con determina n. 52 del 20/11/2020.

Powered by

La nostra Struttura

La Comunità è situata nel Comune di Serino in provincia di Avellino in Via Donnico n.8.

 

La struttura è completamente immersa nel verde e si sviluppa su due piani molto ampi.

Il primo dei due è dotato di una cucina, una sala da pranzo, un soggiorno, un servizio igienico ed una camera/studio amministrativo.

Il secondo piano, invece, è dotato di quattro camere da letto, tre servizi igienici, un lavatoio ed un soggiorno/sala da pranzo.

 

L’appartamento gode di quattro balconate terrazzate (circa 10 mq ognuna) che lo rendono luminoso ed arieggiato, ed è dotato di un terrazzo coperto di circa 127 mq.

La nostra Mission

La Comunità Alloggio per Minori “Empatia” è progettata per rispondere alle esigenze di minori con problematiche di inserimento sociale dovute a condizioni di disagio familiare, abitativo e/o socio-culturale, in conseguenza delle quali i Servizi di Tutela Minori, anche con provvedimento del Tribunale dei Minori, definiscono il collocamento in Comunità Alloggio.

Utenza

La Comunità Alloggio per Minori “Empatia” è progettata per rispondere alle esigenze di minori con problematiche di inserimento sociale dovute a condizioni di disagio familiare, abitativo e/o socio-culturale, in conseguenza delle quali i Servizi di Tutela Minori, anche con provvedimento del Tribunale dei Minori, definiscono il collocamento in Comunità Alloggio.

 

La Comunità accoglie:

• Minori allontanati dalle famiglie previo decreto del TM;

• Minori sottoposti alla messa alla prova come pena alternativa al carcere su segnalazione del CGM (Centro Giustizia Minorile);

• Minori immigrati non accompagnati;

• Prosiegui Amministrativi;

• Minori in regime semi-residenziale.

Unici criteri di esclusione all’accoglienza sono indicati nella presenza di gravi patologie psichiatriche.

 

La capienza massima è di n. 8 posti, o 9 posti se presente un fratello/sorella, e di n. 1 posto di pronta accoglienza.

Il ridotto numero di ospiti accolti fornisce alla Comunità una dimensione familiare e consente la realizzazione di progetti individualizzati cuciti ad hoc sul singolo utente. Si evidenzia la presenza di un rapporto 1:1 operatore-ospite, che si pone come condizione in grado di contenere e rispondere ai diversi bisogni ed alle problematiche di questa tipologia di utenza.

 

La professionalità e le competenze dell’equipe educativa rendono possibile anche l’accoglienza di minori che hanno subito gravi maltrattamenti ed abusi.

Finalità del servizio

L’obiettivo della Comunità è quello di offrire un sostegno temporaneo che aiuti il minore nella risoluzione dei problemi che hanno determinato il suo allontanamento dalla famiglia e, quando possibile, prepararne il reinserimento.

 

Oltre alla soddisfazione dei bisogni primari, l’obiettivo della Comunità è quello del contenimento affettivo, al fine di far sperimentare al minore un clima di fiducia reciproca e di serenità. A tale scopo, il personale addetto deve operarsi con competenza, sensibilità e umanità nel pieno rispetto delle esigenze fisiche e psicologiche del minore.

 

Si considera inoltre fondamentale perseguire e garantire, al fine di offrire migliori condizioni  di vita ai minori accolti, i seguenti principi:

  • acquisire i valori base quali la cura di sé e dell’igiene personale, ed il rispetto degli altri e delle cose;
  • sviluppare un interesse per lo studio, la professionalizzazione e il lavoro;
  • imparare a socializzare e a sapersi relazionare con gli altri;
  • scoprire e ri-scoprirsi, dando importanza al tempo libero, alle attività ludiche e costruttive;
  • ricercare e mantenere un equilibrio tra studio, affetti, vita sociale e tempo

Le nostre attività

Presso la nostra struttura, il calendario delle attività prevede:

 

  • sport (calcio, palestra, basket);
  • laboratorio di teatro (partecipazione al Laboratorio del Teatro Pubblico Campano Pomigliano D’Arco);
  • laboratorio di lettura;
  • laboratorio di cucina;
  • laboratorio artistico-creativo (realizzazione di quadri dipinti su tela, cartelloni, bricolage);
  • laboratorio di educazione affettiva e sessuale;
  • laboratorio “Vivere e Gestire Le Emozioni”;
  • percorsi formativi esterni (tirocini, apprendistato corsi formativi). Inserimento nel mondo del lavoro attraverso convenzioni con officine meccaniche, ditta elettrotecnica, ristorante-pizzeria, aziende che offrono corsi di grafica e web-designer;
  • uscite didattico-culturali con gli operatori (visite guidate, esplorazione del territorio);
  • sostegno psicologico e psicoterapia individuale presso un centro specializzato presente sul territorio.

Equipe educativa

L’equipe degli operatori è composta da:

 

  • 1 Responsabile/Coordinatore: svolge funzioni di raccordo con gli enti invianti e i servizi esterni, coordina l’equipe educativa, struttura e supervisiona i progetti educativi, verifica i progetti e, previa favorevole valutazione ed in accordo con i servizi invianti, offre uno spazio di supporto individuale agli ospiti della comunità.
  • 2/3 Educatori Professionali: elaborano ed attuano i progetti educativi e costituiscono il punto di riferimento per i singoli
  • 1 Assistente sociale: collabora con le altre figure professionali presenti in struttura e contribuisce alla gestione dei rapporti con gli enti Fornisce, inoltre, assistenza e supporto agli ospiti della comunità; collabora alla realizzazione di progetti educativi.
  • 2-4 Assistenti Socio Ausiliari (Animatore Sociale, OPI): affiancano gli educatori nello svolgimento delle attività quotidiane della comunità.
  • Altre figure: tirocinanti, volontari e giovani in servizio

 

L’equipe si riunisce settimanalmente e segue un percorso di formazione permanente attraverso la partecipazione a corsi di aggiornamento, convegni, giornate di studio.

Inserimento degli ospiti

L’inserimento in Comunità avviene attraverso il conseguimento delle seguenti fasi:

 

  • richiesta scritta di disponibilità all’accoglienza da parte dell’Ente Affidatario del minore;
  • conferma di disponibilità all’accoglienza da parte del Responsabile della Comunità;
  • incontro tra i Servizi Sociali e il Responsabile della Comunità per la presentazione del caso;
  • incontro conoscitivo con il minore;
  • in caso di consenso all’inserimento, il Responsabile concorda con il Servizio Sociale tempi e modalità d’ingresso e lo predispone;
  • accoglienza: l’ingresso prevede il coinvolgimento di tutta l’equipe e degli ospiti già presenti all’interno della Comunità, che accoglieranno il “nuovo ospite” presentandogli la struttura nei suoi spazi di vita allo scopo di favorire una prima conoscenza ed un orientamento al nuovo ambiente;
  • entro i primi trenta giorni di permanenza in Comunità, viene definito insieme al Servizio di competenza il Progetto Educativo Individualizzato del minore, che viene firmato e sottoscritto per condivisione da tutti i soggetti coinvolti, ovvero legalmente tenuti ed autorizzati.

Dimissioni

Le dimissioni dell’ospite vengono concordate dal Responsabile e dall’equipe assieme ai Servizi Invianti quando:

 

  • il progetto avviato con il minore si considera concluso: sono stati raggiunti gli obiettivi previsti dal PEI;
  • il minore e/o l’ente rinuncia al prosieguo del progetto in quanto non ritiene opportuno In questo caso la comunità provvede a definire tempi e le modalità di chiusura.
  • sono state individuate e consolidate condizioni abitative e di lavoro In tal caso la dimissione è preceduta da una fase di accompagnamento all’autonomia secondo un progetto concordato con l’ente inviante;
  • il Tribunale dei Minori predispone il reinserimento in famiglia (riaffido ai genitori, a seguito di revoca della sospensione della genitorialità).

Lavoro di rete

Un intervento educativo, perché sia produttivo, non può esaurirsi all’interno della Comunità ma deve costituirsi come una rete che coinvolga tutte le persone e le strutture che entrano in relazione con il minore. Pertanto, grande attenzione ed importanza vengono date alla collaborazione ed all’interazione con tutti gli stakeholders territoriali:

 

  • servizi invianti: durante l’intero percorso del minore, realizzata con incontri periodici e relazioni scritte a frequenza regolare;
  • famiglie d’origine: così come stabilito dal TM, Magistrato, Giudice e/o servizi invianti;
  • Giudici, Magistrati, Tribunali;
  • Cooperative sociali, Associazioni no profit;
  • parrocchie;
  • istituti scolastici;
  • datori di lavoro;
  • comuni;
  • forze dell’Ordine.

Il lavoro della qualità

La Verdi Orizzonti Cooperativa Sociale si impegna a garantire al proprio personale educativo ed amministrativo percorsi di formazione continua rispetto alle tematiche teoriche ed operative specifiche dei propri ambiti di intervento.  In particolare, l’aggiornamento costante riguarda, oltre ad argomenti più generali, la riflessione sulle teorie relative alle tematiche dell’utilizzo delle nuove tecnologie, della prevenzione delle dipendenze, sui percorsi educativi individualizzati, sui processi e sugli strumenti di valutazione dei progetti educativi per minori.

 

Inoltre, al fine di garantire l’attuazione della politica per la qualità, la Cooperativa si prefigge di:

 

  • assicurare il benessere delle persone, non solo con la competenza e la professionalità dei propri operatori, ma anche attraverso la protezione da qualsiasi condizionamento verso le sue convinzioni morali, politiche e religiose;
  • aggiornare continuamente il proprio modo di soddisfare le esigenze degli individui con attenzione, versatilità e capacità di adattamento ad un contesto che cambia;
  • assicurare l’erogazione delle prestazioni in ambienti adeguati, piacevoli, confortevoli e sicuri;
  • mantenere attivo un sistema di raccolta e monitoraggio dei reclami dal quale fare scaturire interventi correttivi e migliorativi dell’organizzazione, raccogliere periodicamente dati sulla soddisfazione delle persone, al fine di poter individuare opportunità di miglioramento;
  • operare nel rispetto di tutte le norme riguardanti il personale ed i mezzi operativi, la sicurezza, la protezione dell’ambiente.

Come raggiungerci

In auto: da Napoli tramite A30; Prendere SS162dir da Corso Meridionale, poi A30 e A2/E841 in direzione di SP109 a Serino. Prendere l’uscita Serino da A2/E841.

 

In treno e autobus: da Napoli Stazione Centrale prendere Ferrovie dello Stato direzione Salerno. Da Corso Garibaldi- Salerno prendere autobus 5330 direzione Avellino. Scendere a Serino.

Come contattarci

Telefono: 379 / 21.93.105

Indirizzo e-mail: empatia@verdiorizzonti.com

Indirizzo PEC: verdiorizzontisoccoop@diellepec.it

Comunità Empatia (Serino)
Recapito struttura